Buy her a real big one. Do not say I suck at telling jokes. When kissing her, caress her lips with yours by holding a kiss for a few seconds. Don't talk about sex. Women respond well to this sort of gesture. Asking too early may make you seem a little crazy. Vaseline is useful. A quick little text to say good night is good, but don't call her to make sure she got home safely. How we choose to relate to others gives us information about ourselves. Wear whatever is appropriate and fits your personality. It makes your lips soft and is better than smothering yourself with lipstick. Pay attention to her reactions when you do something. There is probably something you are passionate about that your partner is not. Slide your hand onto the bend of her waist. There is nothing worse than being inauthentic, says Spira. Silence will pull apart the good your humor has injected into the conversation. How to Ask and Get a Girl's Number for Platonic Reasons. Use this question as a measure for your thoughts and behavior during the date. Here are some suggestions to help you. Because when you pick up someone at a bar you're only talking to the alcohol and not the real person. Don't think too much about her, he is choosing to spend time with you and it's possible that he will leave her for you. Do not tell best online dating your friends to make your case for you. Respond to their jokes. They may be cheesy, but if you're comfortable with your date, the cheesiness can be cute or even romantic. Dating after divorce can be challenging, especially if you feel low in self esteem or you're still harboring feelings for your ex. Don't best online dating cut best dating sites and paste. Heart pendant: Girls love heart pendants so give a pendant to her. Be less open. Take good care of yourself. This will help you obviously get their attention and maybe even get him to come up and talk to you! With today�s technology is it easier than ever to maintain contact and ensure the relationship doesn�t suffer just because of the distance that keeps you apart.

I luoghi della memoria

Questa sezione nasce da una ricerca sui luoghi della memoria della città, luoghi significativi per gli eventi che vi sono accaduti, personaggi che vi hanno operato e vissuto, ma anche per l’investimento simbolico che la comunità ha fatto sul proprio spazio urbano, costruendo monumenti, affiggendo targhe commemorative o elaborando la propria toponomastica. Le singole mappe tematiche sono state realizzate grazie alle relazioni e alle collaborazioni già stabilite con alcune istituzioni e associazioni che in città si occupano da tempo della conservazione della memoria e della storia dei luoghi.  

Voci di San Donato

Percorsi nella memoria del quartiere

Questa mappa ci porta a passeggio per il quartiere S. Donato, accompagnati dalle narrazioni dei suoi abitanti. Camminando per le strade del quartiere colpiscono le tracce delle stratificazioni e la pluralità di rimandi alle diverse forme di organizzazione dello spazio urbano e abitativo. I caratteri peculiari del paesaggio urbano di S. Donato sono conseguenza innanzitutto delle nuove parti di città, costruite nel corso del ‘900 tramite gli interventi di edilizia pubblica, formate non solo da alloggi, ma anche da attrezzature collettive e spazi aperti, le une e gli altri ancora oggi chiaramente riconoscibili. Le persistenze e i mutamenti si compenetrano: in queste aree, oltre alla pluralità di spazi e servizi comuni, si nota l’assenza di barriere e fratture tra strada carrabile e cortili alberati dei caseggiati, spesso attraversati da strade di passaggio che consentono di seguire percorsi solo pedonali. A queste peculiarità di più vecchia data si affiancano quelle trasformazioni che hanno interessato alcune zone della città contemporanea, sedi, nella seconda metà del ‘900, di industrie e attività manifatturiere. Questi mutamenti, nel quartiere, consistono nella costruzione di nuovi complessi residenziali su spazi in cui, fino agli anni ‘80 e ’90, trovavano sede numerosi maglifici e nella trasformazione di vecchie officine in appartamenti che, avendo mantenuto la struttura originaria, rivelano un tessuto in cui i luoghi di lavoro erano fortemente compenetrati a quelli delle abitazioni.

Fabbricati Di Tipo Popolare Nel Quartiere MONDO TORRETTA MONDO TORRETTA 300x232 Voci di San Donato

Fabbricati di tipo popolare nel Quartiere Modo Torretta. Copyright © ACER

Da queste sollecitazioni è nato il desiderio di farmi raccontare dagli abitanti frammenti di biografia del quartiere S. Donato, i percorsi che essi hanno scelto di intraprendervi e come abbiano interpretato il rapporto con le forme architettoniche, gli spazi comuni, lo spazio fisico del quartiere.

Le voci che sentiremo appartengono a due generazioni: quella dei giovani che vi si trasferiscono durante la grande espansione edilizia e abitativa del decennio ‘51-’61 e quella, in senso anagrafico, dei loro figli. Le narrazioni cominciano spesso con l’espressione “qui non c’era niente” conducendoci lungo lo spostamento dei confini città – campagna e permettendoci di immaginare una storia raccontata dalle origini. Ciò accomuna sia la prima sia la seconda generazione, perché gli informatori che appartengono a quest’ultima vivono anch’essi lo spostamento di questi confini e, come quelli della prima, giocano nei cantieri della città che si espande, appropriandosi dei suoi nuovi luoghi. 

Collocare le voci degli abitanti nel corpo vivo di una mappa permette di mostrare l’intreccio virtuoso tra le forme della città e il corpo sociale che la abita: la compenetrazione tra le diverse sfere emerge dalla transitività delle attività che risultano, cioè, affiancate e sovrapposte negli stessi luoghi e sono legate ad un tempo al gioco, al lavoro, alle relazioni tra donne. Da questo intreccio nascono le storie che alcuni uomini e alcune donne ci raccontano, con sapienza ed entusiasmo.

Alessia Scenna