Post con tag ‘Gender gym’

Gender gym (Si-cura nel parco, Anna Ferraro)

sabato, luglio 31st, 2010

“Si-cura nel parco” è un progetto di Public art, curato nel 2009 da Mili Romano per “Armonie” , associazione di donne molto attiva nel quartiere Savena e in città . Suo obiettivo è stato di sollecitare una riflessione/azione sulla sicurezza delle donne nella città.
Nella collaborazione con le socie dell’associazione  e dalla relazione con gli abitanti e con alcune  scuole del quartiere le artiste Anna Ferraro e Sabrina Torelli hanno progettato le loro opere.

Anna Ferraro, in particolare, ha realizzato una segnaletica  stradale di genere che attraversa e unisce le tre aree di  Viale Lincoln, Via Barbacci e il Parco Vittime della Uno bianca,  e Gender gym un “Percorso Cultura” che, come doppio speculare ironico e tagliente e nella prospettiva di genere,  rappresenta il rovesciamento di quei “Percorsi vita” presenti spesso nei parchi e tutti indirizzati ad un  potenziamento della sola “fisicità” maschile. Con un altro progetto pensato dall’artista assecondando desideri e suggerimenti, un certo numero ( che ci auguriamo sempre crescente) di esercizi commerciali della zona si costituirà in rete di “spazi di attenzione” per donne che dovessero trovarsi in pericolo. A contrassegnare questi negozi  sarà l’ adesivo “Non sei sola” che campeggerà sulla vetrina.

Gender Gym (Si-cura nel parco, Anna Ferraro)

giovedì, luglio 8th, 2010
04 A.Ferraro Si cura nel parco Gender Gym (Si cura nel parco, Anna Ferraro)

Si-cura nel parco (Anna Ferraro)


“Si-cura nel parco” è un progetto di Public art, curato nel 2009 da Mili Romano per “Armonie” , associazione di donne molto attiva nel quartiere Savena e in città . Suo obiettivo è stato di sollecitare una riflessione/azione sulla sicurezza delle donne nella città.
Nella collaborazione con le socie dell’associazione  e dalla relazione con gli abitanti e con alcune  scuole del quartiere le artiste Anna Ferraro e Sabrina Torelli hanno progettato le loro opere.

Anna Ferraro,  in particolare, ha realizzato una segnaletica  stradale di genere che attraversa e unisce le tre aree di  Viale Lincoln, Via Barbacci e il Parco Vittime della Uno bianca,  e Gender gym un “Percorso Cultura” che, come doppio speculare ironico e tagliente e nella prospettiva di genere,  rappresenta il rovesciamento di quei “Percorsi vita” presenti spesso nei parchi e tutti indirizzati ad un  potenziamento della sola “fisicità” maschile. Con un altro progetto pensato dall’artista assecondando desideri e suggerimenti, un certo numero ( che ci auguriamo sempre crescente) di esercizi commerciali della zona si costituirà in rete di “spazi di attenzione” per donne che dovessero trovarsi in pericolo. A contrassegnare questi negozi  sarà l’ adesivo “Non sei sola” che campeggerà sulla vetrina.

Gender gym (Si-cura nel parco, Anna Ferraro)

giovedì, luglio 8th, 2010
02 A.Ferraro Gender gym Si cura nel parco Gender gym (Si cura nel parco, Anna Ferraro)

Gender gym (Si-cura nel parco, A.Ferraro)

“Si-cura nel parco” è un progetto di Public art, curato nel 2009 da Mili Romano per “Armonie” , associazione di donne molto attiva nel quartiere Savena e in città . Suo obiettivo è stato di sollecitare una riflessione/azione sulla sicurezza delle donne nella città.
Nella collaborazione con le socie dell’associazione  e dalla relazione con gli abitanti e con alcune  scuole del quartiere le artiste Anna Ferraro e Sabrina Torelli hanno progettato le loro opere.

03 A.Ferraro Gender gym Si cura nel parco Gender gym (Si cura nel parco, Anna Ferraro)

Gender gym (Si-cura nel parco, A.Ferraro)

Anna Ferraro, in particolare, ha realizzato una segnaletica  stradale di genere che attraversa e unisce le tre aree di  Viale Lincoln, Via Barbacci e il Parco Vittime della Uno bianca,  e Gender gym un “Percorso Cultura” che, come doppio speculare ironico e tagliente e nella prospettiva di genere,  rappresenta il rovesciamento di quei “Percorsi vita” presenti spesso nei parchi e tutti indirizzati ad un  potenziamento della sola “fisicità” maschile. Con un altro progetto pensato dall’artista assecondando desideri e suggerimenti, un certo numero ( che ci auguriamo sempre crescente) di esercizi commerciali della zona si costituirà in rete di “spazi di attenzione” per donne che dovessero trovarsi in pericolo. A contrassegnare questi negozi  sarà l’ adesivo “Non sei sola” che campeggerà sulla vetrina.